Hotel Turmwirt in Oberammergau

Gipfelkreuz Holzfiguren Passionstheater passionsspiele

Use the Links to get to the Content:

Oberammergau WappenOberammergau – vale una visita!

Il luogo in cui si tiene ogni dieci anni la Sacra rappresentazione della passione di Cristo è famoso anche per la grande varietà di opere intagliate nel legno e la pittura, in particolare nelle forme chiamate Lüftelmalerei e Hinterglasmalerei.

Visite guidate della località ogni sabato alle ore 14:00 con partenza da Ammergauer Haus.


Kulturmeile, la strada della cultura

La strada della cultura offre una panoramica delle bellezze della regione. Percorrendo la strada della cultura delle Alpi dell'Ammergau si può conoscere più da vicino, non solo con la vista ma anche con l’udito, il patrimonio culturale della regione: in ciascuna delle 18 stazioni del percorso sono proposti anche interessanti contributi audio che il visitatore può ascoltare con il proprio cellulare. Ogni chiamata ha il costo di una telefonata verso la rete fissa tedesca in base alle tariffe del provider utilizzato.

La brochure intitolata “Il mio viaggio nel tempo” e le cartine sono disponibili gratuitamente presso la reception.

^torna su


Lüftlmalerei

Con questo nome viene indicata l’arte di dipingere le facciate che si rifà alla tradizione della pittura murale barocca dell’Italia e della Germania meridionale. Facoltosi commercianti, agricoltori e artigiani nel 18° secolo sfoggiavano la loro ricchezza con ricchi dipinti eseguiti sulle facciate delle abitazioni. I soggetti sono prevalentemente di carattere religioso: troviamo quindi per lo più figure di santi e, a Oberammergau, spesso anche temi che riprendono le Sacra rappresentazione della passione.

La tecnica utilizzata è quella dell’affresco: i colori minerali ad acqua vengono applicati direttamente sull’intonaco fresco e, quando questo si asciuga, formano uno strato di colore insolubile. Poiché per realizzare questi dipinti era necessario lavorare rapidamente all’aria aperta, è stata avanzata l’ipotesi che il nome “Lüftlmalerei” – che potremmo tradurre con “pittura all’aria” – si riferisca a questa tecnica.

Sembra tuttavia più plausibile l’ipotesi che il nome sia da ricondurre a Franz Seraph Zwinck (1748 - 1792), il più famoso esponente della corporazione, che viveva temporaneamente in un una casa chiamata “Zum Lüftl” a Oberammergau ed era per questo soprannominato “Lüftlmaler”, ovvero “il pittore del Lüftl”. Questo soprannome di Zwinck probabilmente nel corso del 19° secolo è stato usato per indicare tutte le opere di questo genere.

Franz Seraph Zwinck ha lasciato a Oberammergau e dintorni numerose facciate meravigliosamente dipinte. I due edifici adiacenti all’hotel (chiamati Kölblhaus e Dedlerhaus) presentano bellissimi esempi di questa arte pittorica.

^torna su


Casa di Pilato

La Casa di Pilato nel cuore di Oberammergau è decorata con numerose pitture murali che risalgono al 1784. Il nome della casa deriva dal dipinto della facciata sul lato del giardino, che rappresenta la scena in cui Pilato condanna Gesù.

^torna su


Oberammergau Museum

Museum

L’Oberammergau Museum è uno dei più antichi e più belli musei storico-culturali della Baviera.

Presenta numerosi esempi di opere d’arte e artigianato dal 17° secolo ad oggi. Sono raccolti qui crocifissi, figure di santi, presepi, giocattoli e sculture moderne.

Custodisce una collezione di presepi con un gioiello: l’antico presepe della chiesa parrocchiale di Oberammergau, creato dagli intagliatori di legno del paese, nell’arco di oltre 100 anni, per la chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, completata nel 1742.

Nella collezione di giocattoli troviamo un variopinto rendez-vous di bambole e teste di bambola, soldati e fortezze mobili, carri di vario tipo, stalle ed arche con gli animali più diversi, postiglioni e viaggiatori, cocchieri e cavalieri, ginnasti e marionette.

^torna su


Via delle sculture

Oberammergau vanta una secolare tradizione nella scultura ed è diventato famoso in tutto il mondo come il paese degli intagliatori del legno. Ma anche il presente qui è artisticamente molto vivace, non ultimo anche grazie alla locale scuola di intaglio del legno, che nel 2003 ha festeggiato il suo 125° anniversario. La via delle sculture vuole dare spazio all’arte del presente e al contempo presentare a ospiti e abitanti di Oberammergau la ricchezza della creazione artistica della località e della regione. Per la prima via della scultura di Oberammergau è stato scelto il tema “L’uomo e gli animali”. Le 13 opere d’arte sono esposte in un percorso che si snoda tra il teatro della Passione e la chiesa parrocchiale. Accanto alla chiesa si trova un pannello con informazioni più dettagliate sulla via delle sculture.

^torna su


Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Alla realizzazione della chiesa parrocchiale hanno lavorato artisti di rilievo. Josef Schmuzer (1683- 1752) di Wessobrunn ha diretto i lavori della nuova costruzione e insieme al figlio Franz Xaver ha realizzato gli stucchi della chiesa. Sono opera di quest’ultimo anche gli altari e le figure. Tutti gli affreschi del soffitto e delle pareti del presbiterio e le immagini dell’altare centrale e dell’altare di S. Anna sono di Matthäus Günter (1705-1788), un maestro di rilievo. Sono ricordare anche gli affreschi di Franz Seraph Zwinck (1753-1808) sulle balaustre e sul soffitto del matroneo.

L’affresco sul soffitto della navata, del 1741, è la prima opera eseguita da Matthäus Günther a Oberammergau.

^torna su


Gruppo della crocifissione

Ludwig II, che ha fatto costruire il castello di Linderhof, fu così profondamente commosso dalla sacra rappresentazione della passione che decise di donare agli abitanti di Oberammergau questo possente gruppo della crocifissione in marmo.

^torna su


Teatro della Passione

Passionstheater

Nel pieno della Guerra dei Trent’anni, dopo mesi di sofferenze e morte per la peste, gli abitanti di Oberammergau fecero il voto di realizzare ogni 10 anni la “Rappresentazione della Passione, Morte e Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo”. In occasione della Pentecoste del 1634 diedero seguito alla promessa per la prima volta su un palco eretto nel cimitero, sopra le tombe recenti delle vittime della peste.

Dal 1830 la rappresentazione si svolge sulla piazza dell’odierno teatro. Il palco, più volte rimodernato anche con migliorie tecniche, assunse la forma attuale nel 1930. La platea, coperta da un tetto nel 1900, è aperta sul lato rivolto al palco all’aperto; comprende circa ca. 4800 posti a sedere.

Visite guidate al Teatro della Passione:
ogni giorno dalle 10 alle 16

^torna su